Donna Moderna

Le 10 migliori ricette di “Ragu di capriolo

  • Pappardelle al ragù di capriolo

    Pappardelle al ragù di capriolo

    Le pappardelle al ragù di capriolo sono un primo piatto dai sapori rustici, ma non troppo selvatici, grazie alla carne marinata a lungo!Per preparare le pappardelle al ragù di capriolo iniziate ad occuparvi della marinatura. Lavate delicatamente i pezzi di capriolo sotto l'acqua corrente e trasferiteli in una ciotola capiente 1. Se non disponete di un trita carne potete tagliare finemente al coltello la carne di capriolo. Una volta che il ragù sarà pronto 11 cuocete la pasta in abbondante acqua bollente 12, salata a piacere. Scolate le pappardelle al dente 13 e trasferitele all'interno del ragù 14. Saltate il tutto per un minuto e servite le vostre pappardelle al ragù di capriolo ancora fumanti ...
  • Tortelli al ragù di capriolo

    Tortelli al ragù di capriolo

    Mondate le verdure e tagliatele a dadini, asciugate il capriolo, e tagliatelo a dadini di mezzo cm. In una casseruola, rosolate le verdure in olio, aggiungete il capriolo e fate evaporare tutto il liquido che produrrà la carne. Aggiungete il conMondate le verdure e tagliatele a dadini, asciugate il capriolo, e tagliatelo a dadini di mezzo cm. In una casseruola, rosolate le verdure in olio, aggiungete il capriolo e fate evaporare tutto il liquido che produrrà la carne. Passatele con lo schiaccia patate in una ciotola e aggiungete il cumino e il ragù di capriolo freddo, tritato con il coltello o la mezzaluna, insaporite di sale e pepe, e amalgamate il tutto fino ad avere ...
  • Pappardelle al ragù di capriolo

    Pappardelle al ragù di capriolo

    Le Pappardelle al ragù di capriolo sono un primo piatto davvero molto saporito, perfetto per chi vuole portare a tavola un qualcosa di rustico!Ripulire la carne e metterla ad insaporirsi con sale e pepe per una notte intera.
  • Ragù di capriolo

    Ragù di capriolo

    Tagliate la carne in dadi di 1/2 cm. Unite la carne e proseguite la cottura fino ad esaurimento del liquido. Agguingete il.Tagliate la carne in dadi di 1/2 cm. Unite la carne e proseguite la cottura fino ad esaurimento del liquido. Agguingete il concentrato di pomodoro ed arrostite fino ad ottenere il colore desiderato. Sfumate a piccole dosi con il vino rosso per rafforzare colore e sapore. Versate anche il brodo di selvaggina o l'acqua e fate sobbollire il tutto. Poco prima di fine cottura aggiungete tutti gli aromi e i porcini, aggiustate di sale e pepe e terminate la cottura.
  • Tagliatelle al ragù di capriolo

    Tagliatelle al ragù di capriolo

    Rosolatele in una casseruola con l'olio, aggiungete, quindi, il capriolo, tagliato a dadini di mezzo cm, lasciatelo rosolare fino a quando non è evaporata la sua acqua. Rosolatele in una casseruola con l'olio, aggiungete, quindi, il capriolo, tagliato a dadini di mezzo cm, lasciatelo rosolare fino a quando non è evaporata la sua acqua. Trasferite la quantità di ragù necessaria per il condimento delle tagliatelle in una padella. Scolate le tagliatelle e trasferitele nella padella insieme al ragù, quindi saltate il tutto e servite in tavola caldissimo.
  • Gnocchetti alla zucca al ragù bianco di capriolo

    Gnocchetti alla zucca al ragù bianco di capriolo

    Preparate innanzitutto il ragù per il quale occorrerà più tempo. Scaldate in un tegame, possibilmente di terracotta, un generoso giro d'olio extravergine d'oliva al quale.Preparate innanzitutto il ragù per il quale occorrerà più tempo. Mentre le verdure cuociono, battete la polpa di capriolo al coltello. Protraete la cottura del ragù per circa 2 ore a tegame coperto e aggiungendo via via poco brodo vegetale. Mentre il ragù cuoce preparate gli gnocchi: lessate le patate e cuocete la zucca in forno preriscaldato a 180° C per 1 ora. Quando mancherà una decina di minuti al termine della cottura del ragù, portate ad ebollizione una pentola colma d'acqua debitamente salata.
  • Capriolo in salsa

    Capriolo in salsa

    Aggiungete, quando la marinata è fredda, il capriolo e due cucchiai di olio. Condite il capriolo con sale e pepe e.Mettete in una pentola tutti gli ingredienti della marinata e fate cuocere 15 minuti. Aggiungete, quando la marinata è fredda, il capriolo e due cucchiai di olio. Condite il capriolo con sale e pepe e soffriggetelo in un battuto di cipolla, carota, sedano e prezzemolo con lo strutto e la pancetta tagliata a listarelle. Mettete i pezzi del capriolo nel piatto da portata. Mettete nel tegame dove avete cotto il capriolo tutti gli ingredienti per condire, mescolate bene per non formare dei grumi e mettete questa salsa sul capriolo.
  • Capriolo alla valdostana

    Capriolo alla valdostana

    Tagliate a pezzi il capriolo, lavatelo, asciugatelo e ponetelo in una terrina. Tagliate a pezzi il capriolo, lavatelo, asciugatelo e ponetelo in una terrina. Salate, pepate ed aggiungete il vino rosso; incoperchiate e lasciate il capriolo in questa marinata per 12 ore rigirandolo con attenzione e delicatamente di tanto in tanto. Ponete sul fuoco una casseruola con ½ bicchiere di olio, quando sarà caldo, trasferitevi il capriolo e fatelo rosolare a fiamma forte. Quando il capriolo sarà pronto toglietelo dalla casseruola, accomodatelo su un largo piatto da portata e tenetelo in caldo. Servite la salsa ben bollente insieme al capriolo.
  • Capriolo con funghi porcini

    Capriolo con funghi porcini

    La carne di capriolo, ben marinata col vino rosso, si sposa perfettamente con i porcini, la polenta completa il tutto. Un piatto davvero appagante.Tagliate la polpa di capriolo in bocconcini, sbucciate la cipolla e tagliatela a pezzi e steccatela con i chiodi di garofano. Mondate e affettate i porcini, uniteli al capriolo a 10 minuti dalla fine della cottura. Servite il capriolo con i funghi e la sua salsa di cottura, ben caldo, con della polenta.
  • Capriolo al forno

    Capriolo al forno

    Si pulisce per bene la sella di capriolo e la si fa poi rosolare lentamente in un tegame con olio e alloro bagnando il tutto con il vino bianco secco. NSi pulisce per bene la sella di capriolo e la si fa poi rosolare lentamente in un tegame con olio e alloro bagnando il tutto con il vino bianco secco. A questo punto si taglia la sella di capriolo a medaglioni e la si adagia sopra il letto di funghi precedentemente preparati.
  • Scopri anche