Donna Moderna

Le 10 migliori ricette di “Nacque

  • Come fare la torta di mele

    Come fare la torta di mele

    Anche se presente in molti Paesi, ciascuno con una ricetta diversa consolidata nella tradizione, le sue origini sono ad oggi incerte.Secondo alcune fonti, la torta di mele nacque in Europa nelle cucine dei monasteri, la prima ricetta fu pubblicata nel 1300 dal cuoco francese Guillame Tivel o Taillevent: la “tarte aux pommes”. Un vero e proprio simbolo socio culturale, insieme al baseball e agli hot-dog: l'Apple Pie, chiamata comunemente American Pie.Qualunque sia l’origine della torta di mele, sappiamo con certezza che nacque per l’esigenza di non sprecare la frutta, in un tempo in cui i frigoriferi non c’erano e le mele venivano cotte per poter essere consumate anche nei giorni successivi.
  • Lomo saltado, il simbolo della gastronomia del Perù

    Lomo saltado, il simbolo della gastronomia del Perù

    Le origini del lomo saltado, curiosamente, non sono però puramente locali: la tecnica di marinare la carne con spezie per insaporirla fu introdotta in Sudamerica dagli Spagnoli, ma furono i primi immigranti cinesi, principalmente cantonesi, a farla propria nel XIX secolo e a diffonderla, insieme alla cottura “saltata” in una padella orientale stile wok.Le migrazioni da Cina e Oriente attraverso il Pacifico verso il Perù contribuirono alla fusione delle culture gastronomiche orientale e locale e alla creazione di piatti gustosi e speciali, risultato di mix di ingredienti e tradizioni di mondi diversi: nacque così quella cucina particolare che oggi risponde al nome di cochina chifa, termine che definisce anche i ristoranti che la servono.
  • Come fare il caffè

    Come fare il caffè

    A introdurre il caffè in Italia furono i veneziani: proprio a Venezia nacque nel 1500 la prima bottega del caffè.
  • Come pulire e tagliare i funghi champignon

    Come pulire e tagliare i funghi champignon

    Da lì nacque l'idea: la temperatura costante, l'oscurità e l'umidità dei sotterranei creavano l'habitat ideale per la coltivazione dei funghi, che furono subito etichettati come"Champignon de Paris".Tra gli anni Quaranta e Cinquanta del Novecento a Parigi c'erano circa cento produttori, capaci di coltivare 2.000 tonnellate di funghi all'anno.
  • Finto mojito

    Finto mojito

    Il mojito nacque in un locale all’Avana, durante il periodo del proibizionismo negli USA; in quel periodo molte persono passavano il confine, per arrivare fino a Cuba, e provare anche il delizioso finto mojito.Ci sono diverse teorie, sulla nascita del nome mojito; tra queste le tre maggiori sono che il nome derivi da mojo, un ingrediente parecchio usato nella cucina cubana, a base di aglio ed agrumi; la seconda teoria è che derivi da mojadito, termine spagnolo che significa umido.
  • Caciucco alla livornese

    Caciucco alla livornese

    Probabilmente questo piatto nacque dalla necessità di consumare gli avanzi invenduti del pescato.
  • Skiwasser analcolico

    Skiwasser analcolico

    Ecco la ricetta per l'aperitivo.In tedesco"acqua degli sciatori", il cocktail Skiwasser nacque negli anni Sessanta nei rifugi alpini centrorientali come una sorta di punch, preparato con sciroppo di lamponi, succo di limone, acquavite e acqua calda.
  • Frittura allo spumante brut

    Frittura allo spumante brut

    Il primo spumante italiano, chiamato “champagne italiano”, nacque nel 1865 frutto del lavoro sinergico tra i Fratelli Gancia e il Conte Augusto di Vistarino che importò nell'Oltrepò Pavese dalla Borgogna le barbatelle di Pinot Nero.
  • Club Sandwich ricetta originale con pollo, bacon e uovo

    Per vostra curiosità, il Club Sandwich nacque nel 1894 a New York nel “The Saratoga Club House”, club privato molto esclusivo di gioco d’azzardo. Non si sa esattamente se nacque da un’invenzione del cuoco o se è stato addirittura il proprietario a creare questa meraviglia utilizzando gli avanzi trovati in cucina per sfamare i propri clienti a tarda notte.
  • Cassata al forno (dolce tipico siciliano a base di ricotta e frolla)

    Solo sucessivamente dei cuochi alla corte dell’Emiro a Palermo decisero di avvolgere questa crema con della frolla e cuocerla a forno, cosi nacque ufficialmente la Cassata al forno. Segui la dominazione spagnola che porto in Sicilia anche il cioccolato e il pan di spagna e infine col barocco arrivano i canditi cosi la frolla venne sostituita dal pan di spagna arricchita di cioccolato e coperta di pasta martorana decorata con canditi e nacque la cassata siciliana conosciuta in tutto il mondo.